I catechisti battesimali di tutta la Diocesi si incontrano

Appuntamento sabato 4 febbraio alle 15.15, l’incontro è aperto anche a chi non è ancora catechista «zero-sei anni», ma vuole prepararsi per incontrare nella propria comunità cristiana i genitori dei battezzati. Ai lavori parteciperà anche l’arcivescovo, mons. Andrea Bruno Mazzocato.

Dopo gli incontri tra l’équipe diocesana per la catechesi «zero-sei anni» e i gruppi e le persone che operano in diverse parrocchie e zone pastorali per l’accompagnamento nella fede dei genitori verso la celebrazione del Battesimo di un figlio e la riscoperta del Vangelo, è in programma, promosso dall’Ufficio diocesano per la Famiglia e dall’Ufficio diocesano per l’Iniziazione cristiana e la Catechesi, – sabato 4 febbraio – dalle ore 15.15 alle 18.30 nella Sala del chiostro della Basilica della Beata Vergine delle Grazie a Udine – un incontro unitario di questi gruppi e di queste persone, alla presenza dell’Arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato, consolidando le ragioni di questa preziosa opera pastorale e discutendo insieme alcune sfide da affrontare. Il programma dell’incontro prevede sia lavori di gruppo che momenti in plenaria con l’intervento di esperti.

 

L’incontro è aperto anche a coloro che al momento non sono ancora catechisti «zero-sei anni», ma vogliono prepararsi per incontrare nella propria comunità cristiana i genitori dei battezzati.

 

«Dopo l’accoglienza e la preghiera – si legge nella lettera di invito a firma dei Direttori dei due Uffici diocesani – , che ci introdurrà in un clima di lavoro spirituale, una breve presentazione ci farà intuire alcuni nodi importanti su cui riflettere; ascolteremo poi la testimonianza di una coppia di coniugi e del loro parroco che hanno “fondato” la pastorale battesimale ormai parecchi anni fa nella diocesi di Roma: sarà molto interessante ascoltare il loro percorso, i frutti e le difficoltà che ha portato, e confrontare ciò con le nostre esperienze. L’Arcivescovo, mons. Andrea Bruno Mazzocato, ci darà poi alcuni spunti su cui riflettere e, dopo alcune ulteriori domande per interrogarci, avremo un tempo per un fruttuoso lavoro di gruppo e infine il confronto d’insieme sulle prospettive che emergeranno».

Si ricorda inoltre che sabato 4 febbraio, nell’adiacente Basilica alle 19, l’Arcivescovo presiederà l’Eucaristia prefestiva, aprendo così la grande preghiera diocesana per la Giornata della Vita.

 

 

Condividi questo articolo

Facebooktwittermail